Oggi parliamo di effetti speciali, ma per farlo una premessa è doverosa.
In Italia usiamo il termine “effetti speciali” per indicare una marea di cose che spesso non lo sono e, al contrario, non consideriamo effetti speciali tecniche che invece lo sono.
Per questo è bene fare un po’ di chiarezza.


Partiamo col dire che gli effetti speciali sono tutte quelle tecniche che permettono di simulare qualcosa che non esiste o è difficile, costoso o pericoloso riprodurre nella realtà. Si dividono in due grandi categorie:

Effetti Visivi (Visual Effects – VFX)

Sono ogni tipo di immagine creata, alterata o aumentata per film o altri media visivi.
Sono tipicamente effetti che non possono essere realizzati durante le riprese sul set, e dunque le immagini vengono manipolate in un secondo momento per includere elementi virtuali;


Gli Effetti Speciali (Practical Effects)

Sono gni tipo di effetto che è possibile realizzare direttamente durante la registrazione della scena (es: spari, esplosioni, ecc. ).

Per avere un’idea più chiara sull’argomento, è possibile individuare tre macro categorie che definiscono diversi tipi di effetti speciali.


Gli Effetti Meccanici

Sono quelli che vengono fisicamente costruiti per le riprese.
Possono essere maschere in lattice per creare mostri o personaggi fantasy, miniature di città o navi, ma anche la loro versione gigante, così come protesi o creature robottizzate.
Tutto ciò che è realizzato per la fase di riprese quindi anche incendi, fumo, finti eventi atmosferici, pareti o vetri che si sfondano, mobili che si rompono durante una rissa, etc.


Effetti Ottici

Sono quelli che vengono realizzati con la camera stessa, impostandola in un certo modo o studiando inquadrature particolari.
Sono stati molto utilizzati in passato perchè di per sè non necessitano di post-produzione, ma ancora oggi vengono impiegati in larga misura insieme alle tecniche digitali più moderne, poichè permettono di raggiungere risultati di grande impatto. Ma andiamo più nello specifico.

Non dobbiamo dimenticarci che quando guardiamo un film stiamo osservando una serie di immagini piatte, bidimensionali.
Il nostro cervello non percepisce la profondità come nella realtà, ma in modo più approssimato, per ricrearla si basa sugli elementi che vediamo sullo schermo, come linee prospettiche, dimensione degli oggetti, movimento di parallasse, ombre, ecc.
Si tratta di un’illusione, e come ogni illusione può essere manipolata per indurre il nostro cervello a percepire qualcosa di diverso dalla realtà dei fatti.


Immagini Generate al Computer (CGI)

E’ una categoria vastissima, in quanto comprende tutto ciò che è possibile creare da zero o manipolare tramite l’utilizzo del computer.
Nonostante questo tipo di tecnologia sia più giovane rispetto alle altre, è stata talmente dirompente da cambiare completamente il modo in cui concepire e progettare gli effetti visivi e i film in generale, in quanto rende possibile realizzare praticamente qualsiasi cosa.
Andiamo quindi da elementi che vengono aggiunti, tolti, modificati o creati, alla creazione di interi ambienti, personaggi, creature, veicoli o oggetti, e l’animazione degli stessi, potendoli combinare in modo realistico con le immagini riprese dal vivo.

Effetti Invisibili

E’ bene ricordare una cosa: l’uso corretto dell’effetto speciale.
Lo scopo degli effetti speciali (visivi o meno), non è quello di farsi notare,
ma è quello di essere il più possibile invisibili. Devono svolgere la loro funzione, senza che l’attenzione dello spettatore venga distolta dalla storia per concentrarsi sulla straordinarietà tecnica dell’effetto usato.

Moltissimi effetti speciali presenti dei film che vediamo, infatti, non sappiamo nemmeno di averli visti, ed è giusto che sia così.
Alcuni esempi? Quando vengono cancellati elementi indesiderati della scena; quando vengono ricreati (parzialmente o totalmente) gli ambienti attorno agli attori; quando devono essere simulati eventi atmosferici o stagioni diverse da quelle in cui si stanno effettuate le riprese.

Questi sono solo alcuni esempi e se non li notiamo, è stato fatto un uso corretto dell’effetto speciale.


Guarda i nostri video:

Ascolta i nostri podcast:


Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!